2008253882785638

13 aprile 2016

Le 50 sfumature di azzurro a Leuca

Se vi trovate lì, dove i due mari si incontrano, si abbracciano e si fondono e se da lì potete guardare panorami mozzafiato, allora siete nel luogo più a sud della Puglia, nell'estrema punta del Salento: siete a Santa Maria di Leuca. 

Ci troviamo nel tacco d'Italia, dopo aver attraversato per tutta la sua lunghezza la Puglia, nel suo estremo sud.

Sembra di stare al confine del mondo con il mare sconfinato dalle cinquanta sfumature di azzurro.



Santa Maria di Leuca è compresa tra due promontori, Punta Ristola e Punta Meliso, quest'ultima è considerata  per convenzione nautica la  punta che chiude il Golfo di Taranto insieme a Punta Alice in Calabria. 
Su Punta Meliso si trova anche il faro, alto 47 m, fatto costruire nel 1864 da Filippo II, che irradia la sua luce fino ad una distanza di  50 chilometri.



Una famosa leggenda narra che Santa Maria di Leuca sarebbe stato il primo approdo di Enea ma anche di San Pietro il cui passaggio è celebrato dalla colonna corinzia eretta sul piazzale della Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae.

Da qui vi consiglio di affacciarvi dalla terrazza e perdervi con lo sguardo all'orizzonte, lo spettacolo è garantito.

Una volta che siete a Santa Maria di Leuca non perdetevi l'escursione in barca con la visita alla Grotta di Porcinara, luogo di culto in cui venivano adorate le divinità, alla Grotta del Diavolo, così chiamata per i rimbombi del vento e della risacca, e alla Grotta delle Tre Porte.



Per gli amanti delle escursioni a piedi, Leuca offre anche tanti itinerari ambientalistici per scoprire e ammirare la grande varietà della flora locale.
Ebbene si, #WeAreinPuglia




Foto da: www.basilicaleuca.it / www.salentotop.it / www.salentoit.it





Nessun commento:

Posta un commento