2008253882785638

10 marzo 2019

Calabria: fare hiking sull'estrema dorsale del Raganello

Escursione a Civita sull'estrema dorsale del Raganello

Una delle attività che pensavo di non poter fare nella mia vita è l'hiking. Fino a che non sono andata in Calabria a Civita dove, grazie all'ospitalità di tutta la comunità, ho avuto l'occasione di fare questa esperienza sull'estrema dorsale del Raganello.

Il fatto è, che io non sapevo nemmeno cosa fosse l'hiking!

Conoscevo il trekking, che consideravo una escursione più difficoltosa rispetto alla camminata o ad una semplice passeggiata, con sentieri sali scendi e impervi ma l'hiking non l'avevo mai sentito.

Il mio prezioso amico Google mi è venuto in aiuto e si è aperto un mondo sugli sport outdoor.
Se anche voi siete curiosi e volete saperne di più, leggete l'articolo di Sharewood in cui si spiega perfettamente la differenza tra trekking e hiking.


Cosa serve per affrontare l'estrema dorsale del Raganello?

Come dicevo, non conoscevo questa attività sportiva e  confesso che se mi avessero detto prima a cosa sarei andata incontro, probabilmente, non avrei affrontato così spensieratamente e con leggerezza di spirito il percorso che era stato preparato da Stefania, la nostra guida.

La dorsale della gola del Raganello
La Timpa del Demanio sulla destra e l'estrema dorsale del Raganello sulla sinistra
La guida aveva raccomandato a tutto il gruppo di vestirsi in modo adeguato per l'escursione e soprattutto di indossare le scarpe da trekking, e, per questa ultima raccomandazione, ero attrezzata e le mie scarpe tecniche mi hanno aiutato tantissimo.

Premetto che i miei consigli sono quelli di una principiante ma sono validissimi se volete affrontare la piccola scalata impervia. Ecco cosa vi serve:
  • scarpe da trekking
  • una bottiglia d'acqua
  • pantaloni lunghi (meglio se stretti sotto)
  • maglia di cotone (se è estate) altrimenti una maglia termica
  • giacca a vento
  • fazzolettini (per asciugare il sudore o altro)
  • macchina fotografica o cellulare (per immortalare i panorami stupendi)
  • fare un'abbondante ed energetica colazione 
  • tanta buona volontà e buon senso. 
Colazione nel B&B le Terrazze
L'energetica colazione fatta prima dell'escursione al B&B Le Terrazze di Civita 

Escursione sull'estrema dorsale del Raganello


Iniziamo l'escursione dal Belvedere, il punto più panoramico di Civita dove è necessario fermarsi qualche minuto in più per capire la grandezza della Timpa del Demanio, la profondità della gola del Raganello, sovrastato dal ponte del Diavolo. 

A poca distanza c'è il belvedere più piccolo, chiamato la piccola culla. Da qui se allungate la vista fino all'orizzonte si può vedere la costa ionica.

Resto senza parole e la sensazione di trovarmi nel vuoto è forte ma non distolgo il mio sguardo che scruta e indugia su ogni particolare da questa bellezza naturale che mi è apparsa davanti all'improvviso.

L'itinerario parte da qui. Sono pronta per scendere la scalinata che sinuosamente costeggia la parete rocciosa sotto il belvedere.

Vista dal Belvedere di Civita sulla scalinata che porta al ponte del Diavolo
Dal Belvedere di Civita si può vedere la scalinata che costeggia la parete rocciosa

Partenza per l'escursione sull'estrema sorsale del Raganello
La scalinata che porta alla Mater Chiesa e all'Ostello della Gioventù
La scalinata non presenta difficoltà. È un percorso agevole che porta verso quello che era un'ostello della gioventù dove è prevista una prima sosta sul punto panoramico che si affaccia sul paese.

Da questo punto inizia anche la discesa, con i suoi seicentoquindici scalini, verso il Ponte del Diavolo, ad oggi non agibile per il recente tragico evento.

Per arrivare alla Mater Chiesa e fare una seconda sosta, ché serve, tagliamo la strada attraverso un'erta scoscesa tra cespugli, fichi d'india e agavi, per proseguire poi su una scalinata in pietra ricca di vegetazione (inizia la mia preoccupazione da affaticamento, ce la farò?)

Ci troviamo più in alto rispetto a Civita e da qui - mi pare superfluo dirlo ma è così - la vista splendida cattura immediatamente la nostra attenzione. Il borgo di Civita mi appare più piccolo e raccolto in un lembo di terra mentre il Raganello è solo un filo che segna la gola.

Salire sull'estrema dorsale del Raganello, la mia esperienza

Non c'è una stradina, un sentiero, un tracciato che si può seguire, quello che ci fa andare avanti sono solo le indicazioni di Stefania, che ci precede, tanto agile ed esperta del luogo.

La seguiamo senza battere ciglio mettendo i piedi tra i sassi, mantenendo l'equilibrio aiutandoci con le mani, a volte salendo a "quattro zampe".

Percorso sull'estrema dorsale del Raganello a Civita in Calabria
Gli spuntoni di roccia nel percorso dell'escursione

Vietato guardare indietro e intorno. C'è bisogno di concentrazione per arrivare ai piccoli slarghi pianeggianti e riprendere fiato.

Nonostante la giornata non sia troppo calda, il calore per la fatica si comincia a sentire con piccole goccioline sulla fronte e dietro la spalla che scivolano inesorabilmente.

Stefania ci guida, ci dà consigli su come affrontare l'impervia scalata e a quali piante aggrapparci, ci sprona e ci incita a non mollare.

La mia goffaggine è esplosa, la mia mancanza di allenamento è evidente. Non mi lascio intimorire e proseguo imperterrita inerpicandomi tra gli spuntoni di rocce che affiorano tra le sterpaglie secche e pungenti.

Quando alla fine arriviamo al punto più alto prestabilito, la soddisfazione è massima, mi faccio i complimenti e mi abbandono lasciandomi accarezzare dal leggero vento.

Escursione sull'estrema dorsale del Raganello
Il punto di sosta finale prima della discesa verso Civita

L'incanto del posto mi obbliga a fare alcune riflessioni. In silenzio e immobile guardo la Timpa del Demanio che si impone, alto e maestoso, al di là della gola. Là dove le aquile trovano la loro casa.

I pensieri positivi che mi attraversano sono molteplici, la mente si comincia a svuotare, la calma e il benessere mi pervadono. Mi sento appagata e felice, nonostante la fatica e la stanchezza.

Mi rendo conto di quanto siamo piccoli di fronte alla Natura, così buona e generosa con noi.
Va amata e protetta.


Una escursione a Civita sull'estrema dorsale del Raganello
La soddisfazione e l'espressione di Simone dopo aver raggiunto il punto più alto del percorso
L'escursione prosegue e questa volta si scende verso Civita. Un lungo giro che porta direttamente al quartiere S.Antonio per visitare il museo delle tipiche case Kodra.  

Se volete scoprire di più su queste caratteristiche case, andate subito a leggere il post Alla scoperta delle sette meraviglie di Civita in cui troverete cinque delle sette meraviglie di cui si parla.

La sesta meraviglia è la tradizione culinaria arberesche e la settima è proprio l'esplorazione della estrema dorsale del Raganello. 

Io, però, ho scoperto un'ultima meraviglia, l'ottava, che ritengo fondamentale e da un senso a tutto:i Civitesi. 
Ospitali, semplici, generosi e genuini. Mi mancheranno tanto. 


8 commenti:

  1. Sei stata bravissima Maria! Io solo a guardare la scalinata che sembra sospesa nel nulla e tutti gli spuntoni mi sono preoccupata. Non so se senza allenamento io sarei riuscita. Certo poi la fatica viene ripagata con un panorama così! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona quando stavamo scendendo pensavo che dovesse essere una camminata tra scale e percorsi pianeggianti. Poi è arrivata la salita con gli spuntoni, lì è stata una fatica immensa, almeno per me.

      Elimina
  2. Quanti km consiste questo itinerario? Sembra davvero molto bello e interesante ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo essere sincera non saprei dirtelo anche perché abbiamo "tagliato" l'itinerario. Però, posso fartelo sapere.

      Elimina
  3. Dovrei andare in Calabria in vacanza tra qualche mese, perciò se segno questa attività da fare. Da amante del trekking sarebbe proprio un'escursione interessante in quei magnifici scenari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovata un'esperienza spettacolare sia per gli scenari che per il mio fisico

      Elimina
  4. Che meraviglia di giornata! e poi grazie per avermi fatto conoscere il significato di hiking (io sono di quelle che non lo sapevano). Davvero un bellissimo itinerario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora eravamo in due a non saperlo! L'esperienza fatta è stata sensazionale e io la consiglio a tutti quelli che vogliono ritrovarsi con la natura.

      Elimina