2008253882785638

18 giugno 2020

Viaggio alla scoperta dei 10 comuni più piccoli d’Italia



Voler bene all'Italia, l'iniziativa di Legambiente legata ai piccoli comuni italiani, ha suscitato grande interesse e ha stuzzicato la curiosità di scoprire quali sono i dieci comuni italiani più piccoli per numero di abitanti. Non potete immaginare la mia sorpresa quando Ruggero, direttore di Legambiente Puglia*, mi ha mostrato la sua ricerca. 

Mi ha fatto fare un viaggio virtuale che spero di far diventare realtà. Sono sicura che anche voi avrete la mia stessa reazione non appena leggerete la classifica dei borghi più piccoli del Bel Paese.

L’Italia e il suo tesoro nascosto

In Italia si contano circa ottomila comuni sparsi per tutta la penisola, isole comprese. Pensate che di questi più di cinquemila hanno meno di cinquemila abitanti. Scusate il giro di parole ma è proprio così. 
Quindi, più della metà sono piccoli paesi che racchiudono storia, cultura, tradizioni, paesaggi e soprattutto buon cibo, tutti elementi che rendono unico, autentico e, nello stesso tempo, diverso il territorio italiano.

La classifica dei dieci comuni più piccoli d’Italia  

In questa classifica faremo insieme lo stesso viaggio virtuale e scopriremo e dieci comuni più piccoli Italia, fino a raggiungere il più piccolo in assoluto.

10°

Al decimo posto si trova Massello, un comune montano di 56 abitanti della provincia di Torino e precisamente nella Val Germanasca. Ha varie frazioni e a seconda della borgata in cui vivono, i massellini hanno soprannomi diversi, tutti di animali (pidocchi, pulci, tarli, cavallette ecc).

La frazione di Balziglia è stata teatro di un'eroica resistenza alla fine del 1600 da parte dei Valdesi, assediati dall'esercito francese che tentò di massacrarli dopo essere rimpatriati nelle valli.

Per ricordare questo importante episodio e l'intera vicenda dei Valdesi è stato eretto il Museo Storico della Balziglia.


Al nono posto c'è Bergolo, un comune italiano delle Langhe di 56 abitanti in provincia di Cuneo, terra delle nocciole e del Tuma di Langa, il formaggio di pecora Presidio Slow Food.

Le case del paese ospitano decine di opere d'arte tra murales, dipinti e sculture lasciate dagli artisti che hanno partecipato al concorso “Bèrgolo: paese di pietra”, ideato nel '93. 

C'è solo una via nel paese che parte dal cimitero passa dall'abitato e arriva fino al bosco.
 
Il ponte di Ribordone

L'ottavo posto è occupato da Ribordone con i suoi 49 abitanti. È un comune montano al limite del Parco Nazionale del Gran Paradiso e già gli amanti del trekking e delle passeggiate pregustano itinerari naturalistici. 

Da visitare il Santuario di Prascondù dedicato alla Madonna di Loreto le cui origini sono legate ad un evento miracoloso riconosciuto dalla Chiesa Cattolica. All'interno è custodita la secentesca icona in legno della Madonna di Loreto apparsa ad un giovane ribordonese nel 1619.


È ancora il Piemonte a essere protagonista, al settimo post si trova Macra con i suoi 49 abitanti, un comune in cui si parla la lingua d’oc, l’occitano.
Immersa nel verde della valle di Maira, Macra offre una serie di attività legate alla natura e allo sport.

Di grande interesse sono i Percorsi Occitani e la Grande Traversata delle Alpi, itinerari da fare con guide esperte. D'inverno, quando nevica, Macra diventa magica e sembra un paese uscito da una fiaba.


Torresina, in provincia di Cuneo, con i suoi 47 abitanti, si prende il sesto posto. Per la sua posizione strategica fu teatro di scontri fra le truppe napoleoniche che tentavano la presa del colle della Pedaggera e i difensori piemontesi. 

Il nome Torresina, adottato nel 1892, deriva dall'originale Torricella, nome legato alla presenza della torre medievale nei pressi dell'abitato risalente al 950.

seguimi su facebook




Al quinto posto nella classifica dei comuni più piccoli d'Italia si trovano Ingria e i 44 abitanti che la popolano sparsi sui due versanti della valle. Molto interessanti i tetti di pietra 

A partire dai primi anni del Novecento, Ingria ha subito un fortissimo spopolamento che l'ha portata in meno di un secolo a veder diminuire la propria popolazione di oltre 40 volte.


Briga Alta, nato dall'unione di tre frazioni Piaggia, Upego e Carnino, è il quarto comune più piccolo italiano con 42 abitanti e indovinate dove si trova?  In provincia di Cuneo nella valle del Negrone a 1300 metri di altitudine. 

Nel primo censimento del dopoguerra gli abitanti erano 285. Da allora il comune ha perso l'85% circa della sua popolazione
È il comune più meridionale della regione, e per poter raggiungere in automobile Piaggia, sede del Municipio, bisogna transitare per diversi chilometri in territorio ligure.

Ed eccoli i 3 comuni più piccoli d'Italia


Si cambia regione e ci spostiamo in Lombardia per arrivare a Pedesina, il comune italiano di 38 abitanti immerso nel Parco delle Orobie Valtellinesi.  

Il paese è situato sulle pendici del Monte Rotondo e appena sotto Pedesina passa l'antica via del Bitto, un passaggio ricavato scolpendo gli scalini nella roccia viva.

Per tutto il Ventesimo secolo, nel periodo estivo, si registrava un discreto movimento turistico con due alberghi per il soggiorno climatico, ora chiusi. C'è solo un ristorante che è anche un emporio e bar.


Si ritorna in Piemonte in Val Cenischia per trovare il secondo posto occupato da Moncenisio con i suoi 34 abitanti. Di Moncenisio si è cominciato a parlare quando divenne il valico più importante tra l’Italia e la Francia sia per gli scambi commerciali che per il passaggio dei viandanti. 

Perse la sua importanza quando fu costruita la Strada Napoleonica. Il colle di Moncenisio oggi è una tappa della via Francigena

Monterone ha 30 abitanti ed è il più piccolo comune italiano.

Se pensate che il primo posto sia occupato da un comune piemontese vi sbagliate. Si ritorna in Lombardia, a Monterone che con i suoi 30 abitanti sale sul primo gradino del podio e si conquista il titolo di comune più piccolo d'Italia

Si tratta di un villaggio di pietra adagiato sul versante orientale del monte Resegone, immerso nel verde e incastonato in un incantevole paesaggio montano. La località è famosa per i suoi panorami invidiabili, adatta per chi non ama il caos e vuole rilassarsi.  

È sede di un museo d'arte contemporanea all'aperto che ospita dagli anni ottanta più di 30 di opere di scultura e pittura sparse nella natura e addossate alle pareti esterne delle case.

Concludo pensando che 

Devo essere sincera, non avrei mai creduto che ci fossero comuni con così pochi abitanti e che la maggior parte fossero concentrati in Piemonte, una regione che conosco poco. 

Immagino solo la pace che esiste in questi piccoli luoghi circondati dalla natura e a volte difficili da raggiungere. 
In questi posti il tempo si allunga, si dilata e la parola fretta è abolita mentre la parola d'ordine è ascoltare.

I pochi abitanti rimasti sono la continuazione di una storia nata centinaia e centinaia di anni fa e di molte tradizioni che ritengo siano molto preziose e che mi auguro non vadano perse.

*In collaborazione con Ruggero Ronzulli appassionato di paesaggi e territorio. Questi i suoi canali social:
   Instagram: ririnostipandtherapy
  Facebook: ririnostipandtherapy
  Youtube: https://bit.ly/2zdrtKk


[Tutti i dati sono stati presi dal sito Comuni Italiani e sono aggiornati al 30 novembre 2019]




2 commenti:

  1. Una lista interessante e curiosa, soprattutto per l'alta concentrazione di piccoli comuni proprio in Piemonte, come giustamente facevi notare. Ci sarà qualche teoria che possa spiegare questa cosa o è totalmente random? Chissà... Buon weekend Maria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perché sono in montagna e quindi isolati?

      Elimina