2008253882785638

19 maggio 2020

Massafra: itinerario a piedi nel quartiere dei SS.Medici - Cosa vedere


 Castello medioevale e bed and brakfast Santa Marina a Massafra

Finalmente il lockdown è terminato e io ho cominciato la fine del mio isolamento con la prima uscita ufficiale facendo una passeggiata a piedi che si è trasformata in un itinerario che tra poco vi racconterò. 
Ovviamente resto a casa, nella mia Puglia delle gravine. Per iniziare in bellezza ho scelto un percorso nel quartiere dei SS. Medici a Massafra che vi assicuro è sempre appagante. 

In questo itinerario a piedi vi prendo per mano e vi mostro cosa vedere nel quartiere SS.Medici chiamato anche il quartiere degli Ostinati.

Itinerario a Massafra: dalla Villa alla piazza Risorgimento

Comincio l'itinerario accompagnata da Marica Tarricone, la guida turistica di Legambiente, da piazza Vittorio Emanuele che è il punto centrale della città, crocevia delle quattro arterie stradali principali. 
Per i massafresi è la ‘villa’, tant'è che se chiedete ad uno di loro dov'è la piazza vi indirizzerà a piazza Garibaldi nel centro storico.

Prendiamo la direzione verso il quartiere dei SS. Medici attraversando corso Italia fino a piazza Risorgimento. 
Durante il tragitto ci soffermiamo a parlare dell’architettura dei palazzi che incontriamo traendo un riscontro storico molto interessante.

Piazza Risorgimento accoglie una piccola villetta con panchine. 
Ma la nostra attenzione cade sulla porta colorata dell'hosteria La Serra dove ho apprezzato ottimi piatti prima del lockdown . 

La scalinata di via SS. Medici

Ci avviamo scegliendo di seguire vico II SS. Medici che come un serpentone scivola e si incunea tra vecchie case, slarghi e stradine fin giù a via Laliscia attraverso una serie di scalinate. 

Come ho scritto in altre occasioni questo quartiere del centro storico di Massafra è distaccato dal nucleo più grande che si trova oltre il ponte San Marco che sovrasta la gravina. 

E di sicuro la gravina è stato il motivo principale che l’ha separata dal resto. 

Donna seduta su un divano e piante amassafra
Un angolo delizioso nel centro storico di Massafra

Non ha però impedito al quartiere di svilupparsi riuscendo a ritagliarsi uno degli scorci più belli di Massafra, tanto da essere una cartolina iconica.

Man mano che scendiamo lungo la scalinata ci accorgiamo che le case hanno sempre più la caratteristica delle case grotta scavate nella calcarenite con le tipiche vicinanze annesse. 

Un gruppo di case in particolare ha attirato la nostra attenzione: mi è parsa come un'isola bianca dove spiccano piante e fiori e tutto è minuziosamente curato. 

Un angolo nascosto che ci ha riempito di meraviglia, le piccole e autentiche gioie che si scoprono all'improvviso durante una semplice passeggiata.

La piazzetta panoramica e la chiesa dei Santi Medici

Continuiamo a scendere dalla stretta scalinata tra alberi di nespole e boungaville colorate che fanno da cornice fino alla piazzetta che prende il nome dalla chiesa dei SS Medici Cosma e Damiano. 


Una fontana, un albero, una chiesetta, due panchine in marmo, un muro bianco alto, un parapetto da cui affacciarsi e l’immancabile stencil di Noire su un armadietto elettrico arredano la piazza. 
Che dire, la bellezza è fatta di semplicità.


scalinata con alberi a Massafra centro storico
La scalinata che porta alla piazzetta dei SS. Medici

Siamo quasi sul bordo della gravina, la piazzetta silenziosa è un luogo per fermarsi e godere del panorama, una vista che si allarga dalla chiesa di Sant'Agostino in basso a sinistra al Castello medievale arroccato sul bordo del versante opposto in alto a destra. 

La chiesa dei Santi Medici domina la piazzetta con la sua bianca e semplice facciata risalente al 1720. La chiesa fu costruita sulla grotta della Salute, chiamata così perché anticamente sgorgava acqua che si riteneva avesse proprietà curative. 
Una piccola chiesa che custodisce però un affresco del Cinquecento.

Verso il Castello medievale

Non potevamo finire questa passeggiata senza salutare il Castello che si trova dall'altra parte della gravina San Marco. Passiamo dal lungovalle Andria per ammirare un'altra cartolina iconica di Massafra con il ponte a cinque archi e la cupola della chiesa di San Lorenzo che spunta su tutto. 

Oltre il ponte si arriva in piazza Garibaldi, la vecchia piazza, e giriamo a sinistra su via Lopizzo, in fondo alla strada senza uscita c'è il Castello, naturalmente non si può visitare perché è chiuso per il lockdown.

Il castello di Massafra
La vista panoramica sul castello medioevale dalla piazzetta SS.Medici
Di ritorno ci fermiamo al candido Bed & Breakfast Santa Marina dove sono già cominciati i lavori per mettere in sicurezza la struttura prima dell’apertura. 

Un delizioso b&b sulla cui terrazza a picco sulla gravina si può fare colazione con un panorama a dir poco meraviglioso. E se il buongiorno si vede dal mattino in questo modo la giornata sarà sicuramente bella.

Niente male come prima uscita, ritorniamo al nostro punto di partenza in villa, soddisfatte.

Concludo pensando che 

Dopo circa settanta giorni senza uscire avevo perso l'abitudine di camminare. Per fortuna la scelta del posto da visitare nel quartiere dei SS.Medici a Massafra ha reso meno pesante la fatica.
Questa passeggiata però non è stata fine a sé stessa. 
Io e Marica, la mia guida, abbiamo unito l'utile al dilettevole perché, oltre ad approfittare della bellezza del posto, siamo andate alla ricerca di nuovi spunti turistici alternativi. 

E presto ve ne parlerò.

Ho abbinato questa uscita all'iniziativa #cartolinedacasa lanciata dalla community delle Travel Blogger Italiane e alla quale potete partecipare gratuitamente anche voi seguendo le indicazioni che sono suggerite nel post pubblicato sul Magazine

Nessun commento:

Posta un commento