2008253882785638

18 ottobre 2020

7 consigli utili per partire in camper senza problemi


Prima di partire in camper
è necessario fare alcuni piccoli ma importanti controlli per non trovarsi in affanno soprattutto se si va all’estero e avete bambini. Sono 7 consigli essenziali che non vanno sottovalutati. 

Come avrete già notato in questo blog c’è una sezione dedicata ai viaggi in camper in cui racconto le mie esperienze belle ma anche non troppo piacevoli, come quella volta che ci fermarono alla frontiera greca.

Nonostante tutto è un modo di viaggiare che non cambierei nemmeno con i viaggi di lusso perché questi ultimi hanno sempre delle regole da seguire. 

Viaggiare in camper è sinonimo di libertà e nulla vieta di sostare, lasciare il camper e passare un giorno in maniera diversa ovunque ci troviamo. 

Per un viaggio senza sorprese e senza stress bisogna tenere conto che il camper va controllato. Piccoli accorgimenti utili per viaggiare tranquilli. 

Viaggiare in camper è libertà  (Foto di Volker Glätsch da Pixabay)

Quelli che vi elenco sono i controlli di base validi per ogni tipo di meta scelta e per un camper in discrete condizioni. 

I 7 consigli pratici da ricordare 

1. Controllare le batterie 

In un camper le batterie sono due: quella del motore e quella di servizio che è quella che mantiene “in vita” tutto l’impianto elettrico interno. Per me è vitale perché serve anche per far funzionare la pompa dell’acqua. 

2. Controllare i pneumatici 

In un viaggio on the road come quello in camper in cui si macinano chilometri e chilometri, i pneumatici ovalizzati o con la gomma usurata possono creare pericoli su strada. 
 
3. Controllare le bombole del gas 

Il gas in un camper serve per alimentare i fornelli della cucina, il frigo, la stufa, il boiler a gas e il forno se in dotazione. 
Senza gas quindi non si cucina, non si conservano alimenti, non si riscalda l’ambiente, non esce acqua calda. 
Direi che non si vivrebbe il camper. 

4. Controllare i serbatoi d’accumulo 

Se il camper è nuovo o preso in fitto passate oltre questo punto. Se invece avete “dimenticato” di farlo al rientro del precedente viaggio va tenuto in considerazione. 

Svuotate acque nere e grigie dai serbatoi negli appositi punti di scarico consentiti ed è assolutamente vietato disperderli nell’ambiente

5. Riempire i serbatoi dell’acqua 

Dopo aver pulito  il serbatoio, usando anche un po’ di aceto, riempitelo di acqua pulita aggiungendo una quantità di amuchina in rapporto alla capacità del serbatoio. 

Considerate un 2%, cioè per ogni litro d’acqua 20 ml di amuchina. Serve per disinfettare e evitare la formazione delle alghe

6. Controllare le tubature 

Una volta riempito il serbatoio d’acqua fate scorrere l’acqua da tutti i rubinetti prima quella fredda e poi quella calda. Serve a controllare se i tubi sono liberi

In questo modo avete controllato anche la pompa dell’acqua che, alla fine del controllo, spegnerete. 

7. Controllare l’assicurazione Rca e i documenti 

Verificate la scadenza dell’assicurazione Rca specialmente se utilizzate la formula della sospensione delle garanzie quando non si viaggia per un lungo periodo. 

Se andate all’estero controllate se è abbinata la carta verde e gli stati dove questa non è valida. 
Controllate anche i documenti personali e non dimenticate la tessera sanitaria. 

Partire in camper senza stress 

Questi sono 7 punti che dovete ripassare ogni volta che decidete di fare un viaggio in camper e che vi eviteranno di stressarvi.

Diventeranno una routine e non saranno per niente impegnativi se paragonati all’entusiasmo e alla felicità che si prova prima della partenza. 

Considerate che, oltre a queste e regole, c’è ancora tutta una preparazione interna, come riempire la dispensa, preparare i letti, la valigia e altro, e a pensare a ciò che serve quotidianamente. 

Cosa che io riuscivo a fare in tempi brevissimi perché vi assicuro serve solo l’indispensabile

Prima di concludere vorrei darvi un ultimo consiglio importante derivato dalla mia esperienza di viaggi in camper, sia in montagna che al mare. 

 

 
Credo di non aver dimenticato nulla e se manca qualcosa scrivetemelo nei commenti così aggiorno il post. 

Buon viaggio in libertà e oltre i confini.


Ciao sono Mariaispiratrice di viaggi lenti, antistress e sostenibili con la licenza (abusiva!) di scrivere. Il mio è un semplice blog. Semplice come me e come tutto quello che faccio. Sono tarantina nel cuore e nell'anima e vivo nella sorprendente Puglia delle gravine. Se siete curiosi cliccate qui Dico di me


Nessun commento:

Posta un commento